Se hai provato a fotografare cani con lo smartphone sai che non è impresa facile.
Raramente i nostri simpaticoni sono inclini a rimanere in posa il tempo necessario ad immortalarli con il nostro iCoso.
Fotografare cani in movimento con lo smartphone poi è un’impresa da non tentare nemmeno.

Uno dei problemi principali è senza dubbio la velocità di reazione. Tu premi il pulsante di scatto, poi lo smartphone ininzia a fare i suoi calcoli, mettere a fuoco, regolare l’esposizione, ed il tuo momento imperdibile è scomparso per sempre lasciandoti con la deprimente immagine mossa di un posteriori peloso.

Non c’è dubbio, bisogna prendere atto dei limiti della fotografia col cellulare e rassegnarsi all’idea che non possiamo fotografare proprio tutto nel modo in cui vorremmo.

Tuttavia con alcuni semplici accorgimenti puoi migliorare notevolmente i tuoi ScattiAnimali Casalinghi.

Argomenti trattati: : 1) Prospettiva, 2) Distanza 3) Attenzione 4) Luce 5) Selfie Animali 6) Fotografare cani in Movimento (spoiler: è impossibile)

1 – Occhio alla prospettiva

Questo l’avrai sicuramente già letto altrove, ma vale la pena ripeterlo perchè è l’elemento più importante.
L’altezza e l’inclinazione dello smartphone modificano il modo il cui vedi il tuo cane.

Se lo smartphone è perpendicolare al suolo e si trova all’altezza del cane, le proporzioni tra testa e zampe saranno “giuste”.
Viceversa se lo smartphone si trova ad un’altezza superiore a quella del cane e lo tieni inclinato verso il basso (tipico se fotografi all’impiedi), allora vedrai la testa più grande del normale e le zampe più piccole.

Funziona anche con i bambini, provare per credere.

Molti suggeriscono di abbassarsi sempre al livello del cane per rispettare le proporzioni, io non sono d’accordo.
A differenza degli umani infatti i cani sono molto carini anche con la testa enorme. Anzi, se l’effetto che cerchi è quello di una foto divertente e buffa, allora ti consiglio di provare a fotografare il tuo cane dall’alto ed il più vicino possibile al suo naso.

Cosa che ci porta direttamente al punto 2.

2 – Occhio alla distanza

Il tuo smartphone probabilmente ha un obiettivo grandangolare, perfetto per i selfie, meno indicato per le foto d’azione ed i ritratti.
Se usato troppo da vicino deformerà il bel faccino del tuo fotomodello, se troppo lontano invece il soggetto verrà molto piccolo.
Anche in questo caso puoi usare la deformazione per rendere la sua espressione più buffa di quanto già non sia.

Scattianimali, fotografie di cani in studio

Oppure puoi mantenerti alla distanza giusta per inquadrarlo interamente senza allontanarti troppo.

Scattianimali, fotografie di cani in studio

Oppure ancora puoi decidere, se ne vale la pena, di includere anche un po’ di ambientazione.

Tutto molto bello, vero?

Il prossimo problema è che non riesci a convincere quell’infame a guardarti mentre lo fotografi.
Non appena sei pronto per scattare, i suoi acuti sensi vengono catturati da qualcosa che immancabilmente si trova dietro di lui, o se sei fortunato di lato, mai nella Tua direzione.

Non c’è problema, attirare l’attenzione è piuttosto facile.

3 – Attira l’attenzione

Basta un sonaglino, da far suonare un attimo prima dello scatto. Il sonaglino è irresistibile per qualsiasi cane, ti garantirà una serie perfetta di espressioni attente e concentrate.
Almeno fin quando il cane non si stanca.

Fotografo di Animali -Scatti Animali - Cane Schnauzer Nano Bianco

frontale, sguardo intenso in macchina

Eh già, sembra strano ma anche il cane ha una soglia di attenzione che si assottiglia man mano che lo stimolo viene ripetuto.

Dopo i primi 500 richiami è possibile che il cane non risponda più al sonaglino.
Pazienza, bisognerà cambiare sonaglino con uno dal suono diverso e poi si ricomincia.

Certo per riuscire in questa tecnica ci vuole una certa velocità di esecuzione e coordinazione tra sonaglino e smartphone.

Se dopo i primi 40 minuti andati a vuoto ti viene voglia di calpestare lo smartphone e mangiarti il sonaglino non farlo! Pensa a quanti fotografi professionisti specializzati nei ritratti agli animali potresti ingaggiare con il costo di uno smartphone nuovo.

4 – Occhio alla luce

Eccoci alle note dolenti della fotografia con lo smartphone.
Lo smartphone soffre parecchio la mancanza di luce. Anche il migliore sul mercato ha un sensore piccolo, quindi non riesce a catturare una grande quantità di fotoni.

Nell’attesa di rivoluzionarie tecnologie future il rimedio è uno solo: fotografa di giorno e, se sei al chiuso, apri tutte le finestre che puoi.

Lascia perdere il flash, e non perchè dia fastidio al cane, ma semplicemente perchè il flash dello smartphone è troppo piccolo e non riesce mai ad illuminare come si deve il soggetto e l’ambiente.
Diciamo che se devi documentare un momento imperdibile tralasciando la bellezza estetica allora il flash può anche funzionare – da vicino – altrimenti se vuoi fare una bella foto abbi pazienza e aspetta che sorga il sole.

Problema risolto? Non proprio. Hai avuto pazienza, il sole è sorto e adesso ti rendi conto che il tuo cane marroncino o grigiastro in foto viene completamente nero. Benvenuto nel mondo del controluce.

Fotografo di Animali -Scatti Animali - cane corso in spiaggia

Adoro il controluce! E’ quando scatti con il sole difronte, e può essere una tecnica molto evocativa. Con lo smartphone però non è facile controllare l’esposizione con precisione, quindi rischi di avere il soggetto completamente nero oppure lo sfondo completamente bianco, e non è bello.

A meno che tu non sia cintura nera di Scatto con lo Smartophone ti consiglio di evitare il controluce, e di posizionarti invece con il sole alle spalle oppure laterale.

5 – Selfie Animali

Apro il capitolo soltanto per farti vedere cosa si trova oggigiorno su Kikstarter:

Un portapalle attiracani per smartphone.

Non serve aggiungere altro vero? Credevo di averle viste tutte.
Comunque secondo me può funzionare, se hai voglia di provarlo ti prego, fammi sapere come va.

6 – Fotografare Cani in Movimento con un Piccolo Escamotage

Ma come, non avevamo detto che con lo smartphone fotografare cani in movimento è impossibile?
Infatti, è impossibile ma si può fare lo stesso. Come? Semplice, girando un video.

Esatto, puoi girare un video dei gesti atletici del tuo Commissario Rex e poi estrarre tutte le foto che vuoi.

Lo sapevi che probabilmente il tuo smartphone può girare video in 4k? Significa che praticamente scatta 30 fotografie al secondo con una risoluzione di 8 megapixel ciascuna. Incredibile vero?

Quindi è facile, gira un video in 4k o una live photo e poi estrai le immagini con un’app dedicata tipo Video2Photo. Sono sicuro che ne esistono molte altre sia per iOs che per Android. Anzi, se ne conosci qualcuna suggeriscimela nei commenti.

Alcuni consigliano di fare lo screenshot del telefono per estrarre foto dal video. Assolutamente No!

Se farai la schermata, o screenshot che dir si voglia, otterrai un’immagine con una risoluzione molto più bassa degli 8 megapixel contenuti nel video 4k.
Inoltre quell’ immagine verrà salvata in formato .png, che riempie la memoria del tuo smartphone molto più velocemente rispetto al normale.
Come se non bastasse la tua schermata sarà “condita” da tutte le informazioni presenti sul tuo display come la batteria residua, il tuo gestore telefonico, l’orario e così via. Lavoro in più quando deciderai di stampare quell’immagine.

Capito? No Schermata.

Un’ultima cosa

Dopo che avrai finito di catturare la tua raffica di immagini non dimenticare di cancellare quelle inutili e i doppioni. Fallo subito.
Selezionare le foto dopo ti costerà tempo e fatica perchè si accumulano più facilmente dei vestiti da stirare, e diventano rapidamente pile enormi ed ingestibili.

Di come gestire le immagini digitali sullo smartphone forse ne parleremo più approfonditamente in altro articolo, se l’idea ti piace. Fammi sapere.

Conclusioni, vale la pena di fotografare cani con lo smartphone?

Diciamoci la verità, fotografare cani con lo smartphone non è il massimo, anzi, per chi è abituato alla reattività ed alla flessibilità di un apperecchio professionale è un’operazione frustrante.

Però lo smartphone ce l’hai sempre in tasca, il fotografo di animali no, quindi perchè rinunciare?

Nel caso te lo stessi chidendo c’è un articolo in cui spiego A che serve un Fotografo di Animali

Oppure puoi leggere i racconti degli shooting fatti finora cliccando qui.

Scatta, divertiti, sperimenta, e se scopri dei trucchi interessanti non tenerli per te, condividili con noi nei commenti oppure nella pagina facebook

Alla prossima e che lo ScattoAnimale Casalingo sia con te!