Devo confessarlo, non ho mai prestato particolare attenzione ai pappagalli.
Non ne ho mai avuti in casa e li ho sempre visti attraverso le sbarre di una gabbia. Come potevo immaginare che fossero dei tipi socievoli e stravaganti? I classici tipi con cui prenderesti volentieri una birra dopo l’altra, non scherzo.

Beh grazie a Simone e Mara, e grazie a ScattiAnimali, posso contare i primi tre fra i miei amici di facebook. Grandioso!

Loro sono Asso, Tano e Cocò. Se volete sapere cosa significano i loro nomi state certi che io non ve lo dirò mai. Se hanno il coraggio ve lo diranno Simone e Mara, a loro rischio e pericolo.

Prepararsi a Fotografare Pappagalli

Per l’occasione ho fatto un giro da Mercatopoli Ragusa,  il mercato dell’usato qui vicino.
Anche se non mi danno un soldo per la pubblicità (vero Andrea?) devo dire che da loro si trovano sempre cosette interessanti.

E infatti cosa ti trovo appoggiata in un angolo appena entrato? Una trave di legno colorata appartenuta ad un carretto siciliano. Con gli stessi colori di Cocò!

set pet photography

Sigillato lo studio i pappagalli ci hanno messo pochissimo ad ambientarsi, cominciando a svolazzare liberamente qui e là. Soltanto Cocò è rimasta più diffidente sul nuovo ambiente, ma lei è una signora di mezz’età, trent’anni suonati, mica scherzi.

Gli altri due criminali invece mi hanno subito eletto trespolo dell’anno. Si sono piazzati su di me e hanno cominciato a beccarmi impunemente i peli della barba, mentre Simone e Mara tentavano di attirarli con bocconcini di frutta secca e minacce di morte.

Incorruttibili. Preferivano la mia barba. Come non amarli?

Emiliano Tidona- Scatianimali
ScattiAnimali_Fotografie di Animali_0002

Fotografie di Pappagalli

Basta convenevoli, non vedo l’ora di mostrarteli.

Anche tu hai un animale stravagante in casa (non tuo marito) e ti è venuta voglia di uno ScattoAnimale?

Pin It on Pinterest

Share

Condividi con i tuoi amici